"Belle le parole del sindaco. Ottime le somme che ha tirato nell’incontro di venerdì pomeriggio. Ma forse la matematica non è la sua materia forte - ha commentato sarcasticamente il consigliere Francesco Evangelista, capogruppo di Forza Italia in assise civica - Belli i risultati di cui parla. Le casse del Comune si rimpinguano, i debiti diminuiscono. Ma come è riuscita questa amministrazione a raggiungere questi “brillanti risultati”?".
"Peppino e i suoi sono felici, affermano con entusiasmo che hanno evitato il dissesto. Ma proviamo a pensare cosa è successo in questi cinque anni - ha incalzato Evangelista - La tassa sui rifiuti è aumentata, andando ad incidere sulle tasche di chi aveva le case con metrature più piccole e avvantaggiando chi possiede abitazioni più grandi, la Tasi per la prima casa è al massimo, l’Imu sulla seconda casa è al massimo, così come quella sui terreni agricoli. È aumentata l’eccedenza idrica e il canone di depurazione.
L’addizionale Irpef nel 2012 è stata aumentata dell’80%. E ancora dei 32 milioni di debito 15 arrivano dal 1980 per espropri necessari alla costruzione di nuove scuole e piazza Green, quindi sono passati e non pagati e sono riconducibili anche al periodo dal ‘94 al ‘99 (prima amministrazione Petrarcone), 10 milioni sono stati prestati dallo Stato e devono essere restituiti. Restano ancora da incassare le quote dovute dalla società che gestisce e che ha gestito il Teatro Manzoni, circa 500.000 euro. Poi ci sono soldi assegnati ad associazioni e attività varie. Quello che è mancato è stato un intervento concreto sui marciapiedi, sulle strade e sull’illuminazione pubblica. Ma cosa potevamo aspettarci da un’amministrazione che non è riuscita a mantenere una maggioranza coerente, che parla di debiti ereditati dal centrodestra dimenticando quelli che sono stati fatti anche da loro in questi cinque anni. Tante belle parole, ma pochi fatti»".