Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Il centrodestra ha scelto il suo uomoCarlo Maria D'alessandro
0

D'ALessandro in marcia verso il Palazzo, obiettivi: sicurezza e occupazione

Cassino

Anche il prefetto è sceso in campo per offrire una soluzione contro l’aumento dei furti nelle zone periferiche di Cassino e del Cassinate, nella fattispecie nel popoloso quartiere di Sant’Angelo. "Questo è quello che si deve fare per i cittadini – ha dichiarato Carlo Maria D'Alessandro, candidato sindaco della coalizione di centrodestra, fin dall’inizio impegnato sul fronte sicurezza – Già nei primi incontri che ho avuto con i cittadini ho potuto riscontrare in loro un senso di insicurezza molto profondo. La scarsa fiducia nelle forme di controllo attuate a causa della mancanza di personale sufficiente tra le forze dell’ordine, ma soprattutto a causa di un modo di amministrare la città troppo spesso superficiale e sordo alle richieste dei residenti. Di fronte alla proposta delle ronde organizzate dai volontari in tanti hanno mostrato dubbi, io stesso non credo sia la risposta più adeguata, semmai è il segno di un malessere profondo che spinge la gente a preferire di passare la notte in strada a sorvegliare piuttosto che nel proprio letto e con la propria famiglia. Sono entusiasta come cittadino e come candidato di sapere che qualcosa si sta muovendo in maniera concreta. Una delle prime azioni che intraprenderò come primo cittadino sarà offrire ascolto e risposte alla gente, con l’istituzione dei vigili di quartiere e della polizia di prossimità nei quartieri esposti a maggiori rischi".

Un altro aspetto molto sentito da D’Alessandro è il rilancio del territorio: "La nostra città un tempo era un punto di riferimento per l’intero Lazio Meridionale, negli ultimi anni abbiamo perso tutto, a livello culturale, commerciale, economico, e questa tendenza richiede un’inversione immediata. Bisogna approfittare della ripartenza dello stabilimento Fca e per farlo ci sono moltissime realtà locali che possono contribuire a fare la differenza. C’è bisogno di creare occupazione magari sfruttando le risorse offerte dal territorio e dai giovani che da anni si impegnano in progetti e iniziative imprenditoriali senza riuscire a raccogliere i frutti perchè abbandonati a se stessi da un’amministrazione che ha parlato molto ma che di concreto ha offerto molto poco se non uno sportello Informagiovani ad orari prestabiliti e solo per determinati tipi di esperienze lavorative".

Sul fronte industriale D’Alessandro ha le idee chiare: "Come sindaco proporrò l’adesione di Cassino all’associazione “Le città dei Motori” per permettere un sano benchmarching con gli altri distretti delle auto. Allo stabilimento Fca e all’indotto devono essere forniti servizi primari e innovativi per consentire alle aziende maggiore competitività, e questo sarà un mio impegno prioritario. Invece, in questi anni è mancata una sana politica industriale che ha segnato negativamente lo sviluppo del distretto dell’automobile. Poi c’è necessità di maggiore sinergia con le istituzioni e, quindi, sul piano della ricerca l’Unicas potrebbero partecipare a completare l’integrazione in un modello unico di sistema industriale. L’amministrazione che verrà dovrà incentivare l’imprenditorialità giovanile attraverso centri di coworking partecipati o favoriti dal Comune. C’è tanto da fare e il mio impegno è totale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400