Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Pasquale Ciacciarelli

Il presidente del consorzio di bonifica Pasquale Ciacciarelli

0

Allarme siccità: a rischio il Peperone di Pontecorvo e il Cabernet di Atina

Cassinate

È allarme siccità: a rischio il sistema agro alimentare del territorio.

A lanciare l’allarme il presidente del consorzio di bonifica Valle del Liri, Pasquale Ciacciarelli, a seguito della mancanza di piogge che hanno impoverito le falde acquifere. “Se dovesse perdurare la carenza delle piogge tipiche del periodo invernale, in primavera ci troveremo di fronte a una crisi idrica per irrigazione senza precedenti che metterebbe in ginocchio l’intero settore produttivo agricolo del nostro paese”.

In 100 giorni di pieno inverno, dal 1 novembre ad oggi, registriamo in totale 14-15 giorni di pioggia. In pericolo la produzione dell’intero territorio in cui brilla una agricoltura di qualità e prodotti di eccellenza come il Peperone pontecorvese Dop, il Tabacco Dop e il Vino Cabernet di Atina Doc, fonte occupazionale e di reddito per migliaia di consorziati. 

“Con l’arrivo della primavera e l’avvio della stagione irrigua - aggiunge Ciacciarelli - sono quindi a rischio le coltivazioni del nostro comprensorio a seguito del forte abbassamento delle falde acquifere come le sorgenti di Capodacqua Castrocielo (per i campi di Aquino, Castrocielo e Piedimonte), Monticelli di Esperia (Esperia e Pontecorvo), S. Elia Fiumerapido (S. Elia e Cassino nord-est) e Mollarino (Atina, Villa Latina e S. Biagio Saracinisco)”.

Una situazione che impone un uso virtuoso delle risorse idriche.

“Non solo - sottolinea Ciacciarelli - al rischio della scarsità di acqua per le nostre coltivazioni e alla mancanza di ottimismo per il settore agroalimentare, va ad aggiungersi anche la paura che le piogge arrivino troppo bruscamente e a livello torrenziale, potendo causare alluvioni e ulteriori danni irreparabili per le coltivazioni. Nell’attesa e con l’auspicio che la piovosità si normalizzi senza danni, questa vera e propria emergenza impone un utilizzo sempre più virtuoso della risorsa idrica e un rispetto sempre maggiore del nostro ecosistema. Per quanto ci riguarda - conclude Ciacciarelli -  stiamo cercando di assolvere al meglio al nostro compito di bonifica per assicurare un regolare deflusso idraulico nel comprensorio”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400