Sequestro di persona, lesioni e minacce alla ex. I giudici del tribunale di Cassino dopo 8 anni decidono: due anni di reclusione, pena sospesa.

La sentenza di primo grado pronunciata ieri a Cassino nasce dalla questione giudiziaria che vdd coinvolti due giovanissimi della città martire, all'epoca dei fatti appena diciottenni. Pesanti le accuse formulate a carico del ragazzo per il quale, dopo un'attenta discussione da parte della difesa, il Tribunale ha riconosciuto una parziale infermità mentale. Scelta che ha evitato al giovane una condanna fino a 8 anni.

(TUTTI I DETTAGLI NELLA NOSTRA EDIZIONE DI OGGI, 28 GENNAIO, IN TUTTE LE EDICOLE