Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 09 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Incastrato il ladro di oggetti sacri nelle chiese

Un particolare del gruppo scultoreo della Madonna dove sono stai prelevati un incensiere un bastone

0

Incastrato il ladro di oggetti sacri nelle chiese

Cassino

Incastrato il ladro sacrilego che aveva messo a segno diversi colpi all'interno della chiesa madre di Cassino. Angioletti, Gesù bambino, caraffa in argento, incensiere e, addirittura, il bastone della Madonna. Diversi i colpi messi a segni dall'uomo, tanti e tali da aver indotto la comunità religiosa a "nascondere" gli oggetti preziosi posizionati negli angoli della chiesa.

Ma la Polizia di Stato è riuscita, in breve tempo, a trovare il colpevole. Si tratta di un cinquantasettenne della zona con diversi precedenti alle spalle che aveva messo a segno una serie di colpi per sottrarre preziosi oggetti sacri nei luoghi di culto più importanti della città martire, in primis la chiesa in piazza Corte.

Approfittava delle prolungate aperture delle chiese predisposte in occasione dell’evento giubilare e del particolare affollamento di fedeli, così si introduceva nelle chiese, pensando di agire indisturbato, e sottraeva diversi oggetti di elevato significato religioso. Tutto è accaduto nell'arco di un mese.

Forte era diventato l’allarme lanciato dai parroci costretti anche a "nascondere" i pezzi di maggior valore tra lo sconcerto e la delusione di tanti fedeli, impoverendo il valore artistico dei luoghi di culto. Immediate le indagini della Polizia di Stato che per la circostanza aveva già da tempo avviato specifici servizi di osservazione predisposti per la sicurezza in occasione dell’anno giubilare. Immediati i frutti dell'attività d'indagine. E’ bastato sentire testimoni oculari, fedeli e coloro che a vario titolo frequentano ambienti ecclesiastici per chiudere il cerchio. Le informazioni raccolte hanno delineato chiaro l’identikit dell’abile  "ladro", ora denunciato per furto. Si tratta di un uomo di cinquantasette anni della zona, con diversi precedenti di polizia alle spalle che ha agito coprendosi sempre la testa con un cappuccio sperando di passare così inosservato. Ad incastrarlo anche la perquisizione domiciliare che ha consentito di recuperare le opere d’arte e restituirle alla comunità religiosa.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400