Due morti quel maledetto venerdì sera - era l'8 gennaio - in via San Pasquale a Cassino. Cristiana Azzoli perse la vita quasi sul colpo. La sedicenne viaggiava con la gemella su una Fiat Panda che andò a schiantarsi contro una Punto guidata da Mario Lanni, 43enne di Cassino, morto dopo nove giorni di agonia.

Per quel terribile incidente la Procura della Repubblica di Cassino sta procedendo per il reato di omicidio colposo plurimo nei confronti del giovanissimo conducente della Panda. A coordinare le indagini il Pm Francesco Cerullo.

Quella sera, intorno alle 22, furono  cinque i feriti totali dopo lo schianto. Cristiana morì poco dopo il trasferimento in ospedale, al Santa Scolastica gettando nell'angoscia e nello sconforto le comunità di Cassino e di Cervaro. Gravi le ferite per la gemella così come per gli altri due ragazzi a bordo della Panda. Mario Lanni, che guidava la Punto, venne trasferito quella sera stessa all'Umberto I di Roma. Ma la sua lotta tra la vita e la morte è durata solo 9 giorni: troppo gravi le ferite per sopravvivere. Proprio oggi è prevista a Roma l'autopsia sul suo corpo e sarà anche annunciata la data dei funerali.

Nel frattempo, come atto dovuto, è stato indagato il ragazzo di 19 anni che conduceva la Panda.