Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Giustizia è fatta per Michele Settanni Squalifica ridotta da nove e tre mesi

L'attaccante dell'Alatri Michele Settanni

0

Giustizia è fatta per Michele Settanni
Squalifica ridotta da nove e tre mesi

Alatri

Il giudice sportivo lo aveva punito con nove mesi di squalifica per aver soffiato “residui di saliva” – così recitava il comunicato diramato dal CR Lazio – verso uno degli assistenti dell'arbitro. Michele Settani però si è sempre professato innocente e, in merito all’episodio verificatosi durante la gara di Coppa Italia di Promozione tra la Vis Subiaco e l’Alatri del 30 settembre scorso, ha deciso subito di presentare ricorso. Anche il ds Ceci aveva preso le parti dell’attaccante verderosa: «Un provvedimento che non accettiamo e, pertanto, chiederemo un confronto alla Federazione». E alla fine, anche grazie all’avvocato Gianluca Giannichedda, Settani ha avuto ragione. Ieri infatti, con un comunicato ufficiale, la lega dilettanti ha comunicato la riduzione della squalifica da nove a tre mesi.

«Sono molto contento. Mi sono levato un peso – dice l’attaccante alatrese – Posso dire che un po’ di giustizia è stata fatta. Dico solamente un po’ perchè per quanto mi riguarda anche l’espulsione durante la gara era troppo severa. Hanno visto tutti che io non avevo nessuna intenzione di sputare all’arbitro. Quando ho visto il rosso mi sono messo a ridere, mentre leggendo dei nove mesi di squalifica mi sono sentito morire».

Una battaglia dalla quale Settani alla fine esce vittorioso, anche grazie all’avvocato che ha voluto ringraziare. «Devo dire che questo successo è arrivato soprattutto grazie all’abilità dell’avvocato Giannichedda. Senza di lui non ce l’avrei mai fatta. Riuscire a togliere sei mesi su nove di squalifica è veramente difficile e non capita molto spesso. Certo resta l’amaro in bocca perchè in cuor mio so di essere innocente, però sapevo bene che era praticamente impossibile cancellarla quindi sono contento così».

Tre mesi senza campo non sono comunque pochi, specialmente per uno come Settani che vive delle emozioni che regala il calcio. Michele infatti confessa che all’inizio non è stato facile fare i conti con una batosta del genere. «Appena ho saputo di questo stop forzato l’ho presa malissimo, perchè non è solamente un lavoro, ma soprattutto una passione. Tra l’altro il campionato era partito bene. sia a livello personale che di squadra. Poi ti arriva una mazzata di questa, senza motivo, ed è difficile giustificarla e digerirla. Ora il peggio è passato e tornerò ad allenarmi sperando che passino in fretta questi tre mesi. Tra l’altro il ritorno sarà nel derby con i miei amici di Tecchiena. Segnare sarebbe il regalo perfetto». Settani guarda già al suo rientro in campo. Perché in fondo, per chi vive di calcio, non c’è nulla di meglio del rettangolo verde.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400