Archiviata la prima stagione sportiva della sua storia nel campionato di Eccellenza la dirigenza dell’Arce è tornata a lavoro da qualche settimana per puntellare la rosa a disposizione di mister Alessio Mizzoni.
L’allenatore subentrato in corsa a Carlini nello scorso campionato, infatti, è stato confermato sulla panchina dei gialloblù in vista del prossimo torneo di Eccellenza che si preannuncia più agguerrito che mai.
In realtà la nuova stagione dell’Arce è già iniziata: domenica, infatti, la squadra e l’intera dirigenza si sono ritrovati presso il ristorante “Il Giardinetto” dove il patron Alessandro Marrocco ha indicato gli obiettivi e fissato le linee guida per non sfigurare nel massimo campionato regionale. La preparazione estiva, invece, prenderà il via da giovedì presso il centro sportivo “Armando Vollero” dove i ragazzi di mister  Mizzoni correranno fino all’inizio del campionato, per poi tornare alla base, in quel di Arce.
Con il presidente del sodalizio arcese abbiamo fatto il punto della situazione.

Presidente la vostra stagione è già iniziata, cosa si aspetta dal campionato che verrà?

«Si ci siamo ritrovati per un saluto di inizio stagione e per cominciare ad amalgamare il gruppo. Nel prossimo campionato vorrei ottenere una salvezza tranquilla, diciamo che mi piacerebbe viaggiare nella “parte sinistra” della classifica. Sicuramente non sarà un campionato facile ma rispetto alla passata stagione abbiamo un anno di esperienza in più che non è assolutamente un dato di poco conto».

Da neopromossa avete stupito: teme che questo aspetto possa incidere sulla prossima stagione?

«Sicuramente lo scorso anno la mente era più libera da qualsiasi tipo di pressione. Al primo campionato di Eccellenza della nostra storia volevamo solamente raggiungere la salvezza e abbiamo ottenuto l’obiettivo anche senza troppi patemi. Quest’anno, ovviamente, avremo più responsabilità ma dovremo essere bravi a mantenere i piedi per terra e lavorare duramente come abbiamo sempre fatto».

Sul fronte mercato dopo tante conferme sono arrivati diversi colpi, cosa bisogna aspettarsi ancora in tal senso?

«Siamo partiti con la conferma in panchina di mister Alessio Mizzoni con la speranza che il nostro tecnico ripercorra quanto di buono fatto nella passata stagione. Rispetto allo scorso anno abbiamo ringiovanito un po’ la rosa andando a prendere diversi ragazzi in età di lega molto interessanti: i vari Giorgio Mattone, Giuseppe Calcagno, Daniel Constant e Daniele Guglietta crediamo che possano essere molto utili al tecnico nel corso dell’anno. Per quanto riguarda i “vecchi”, invece, abbiamo puntellato la difesa con Francesco Gennari mentre nel pacchetto avanzato sono arrivati Diego Tedeschi (si tratta di un ritorno ndr) e Federico Di Stefano. Per quanto riguarda l’ex attaccante del Formia sono davvero soddisfatto. Dopo tanti anni in Promozione dove ha segnato gol a grappoli sono sicuro che possa confermarsi anche in Eccellenza. Sul fronte uscite, purtroppo, abbiamo dovuto registrare l’addio di Matteo Corsetti. Per noi è una grave perdita sia dal punto di vista umano che sportivo visto che ha vestito la maglia dell’Arce per più di quattro stagioni segnando tantissime reti. Il capitano ha dovuto abbandonare per motivi lavorativi, gli faccio i migliori auguri per il suo futuro, calcistico e non».

Come vede, invece, le squadre che dovrebbero comporre il vostro girone?

«Al momento non ci sono i raggruppamenti ufficiali. Posso dire che le squadre ciociare, fatta eccezione per il Cassino che punta alla vittoria del campionato, sono tutte sullo stesso livello».

Capitolo stadio: sono stati fatti passi avanti?

«Sono fiducioso. Come sapete abbiamo in progetto un manto in sintetico. Insieme all’amministrazione comunale stiamo lavorando per questo, credo e spero che a breve tempo si possano avere novità rilevanti».

Per quanto riguarda il settore giovanile ci sono novità?

«La crescita del settore giovanile è da sempre in cima alle nostre priorità. Anche nella prossima stagione ci sarà Simone Guatieri nelle vesti di responsabile della scuola calcio mentre una new entry sarà Montemitoli. I tanti giovani che saranno in ritiro con la prima squadra allenata da Mizzoni dimostrano la bontà del lavoro svolto finora e ne siamo davvero orgogliosi».