Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Anagni

Anagni i volontari in azione

0

I cittadini si organizzano
E puliscono la città

Anagni

Sono un esercito di trenta persone. Armate di sacchi, guanti e ramazza liberano la loro città dagli antiestetici rifiuti dando uno splendido esempio di senso civico e di amore per il territorio.

Lavorano, accudiscono i figli, si occupano della loro istruzione e, come gli altri, sono pieni di impegni. Ma trovano anche il tempo da dedicare alla propria città. Al grido di: “Anagni sono io” i volontari, molti dei quali appartenenti all’associazione in difesa della persona e dell’ambiente (Das), puntano a sensibilizzare l’opinione pubblica al rispetto dell’ambiente e dello spazio in cui viviamo.
Iniziativa partita dal basso
L’idea è partita da due donne che, nel tempo, sono riuscite a coinvolgere amici, soci ed altri cittadini tanto che l’idea è stata importata anche a Colleferro. «Sette le uscite in due mesi e l’ultima ha raggiunto su Facebook più di 1500 visitazioni – afferma Cinzia Belardi, ideatrice del progetto insieme a Cristina Landolina - il nostro impegno e quello della Das, non è quello di sostituire gli operatori ecologici su cui comunque vigiliamo, ma è quello di trasmettere alla cittadinanza il principio che si fa prima a non sporcare che a pulire. I nostri concittadini non rispettano i tempi di deposito della raccolta dei rifiuti o peggio si permettono arbitrariamente di trasformare angoli della nostra città in piccole discariche».
Gli interventi
Un curriculum esemplare il loro. Quattro anni fa i volontari hanno ripulito il parco del Convitto Regina Margherita, e poi ancora l’area antistante il cimitero, un tratto di strada che conduce al presidio ospedaliero, via della Peschiera dove ora c'è il comando di polizia municipale, osteria della Fontana, un tratto della Casilina, il vascone, lo spazio antistante le scuole sempre dell’osteria della Fontana e tutto il perimetro del Palatiziano.
«Abbiamo contato 67 preservativi usati e gettati in terra vicino alle strutture sportive frequentate dai bambini ragazzi e adulti, piscina comunale campo di calcio e basket. Aree queste abbandonate sotto l'aspetto della pulizia. Non ci sono secchi e nemmeno cartelli e telecamere. Abbiamo sollecitato e ci siamo riusciti a far mettere davanti la scuola De Magistris due secchioni colorati per impedire che si getti in terra ogni oggetto». Sindaco Bassetta cosa aspetta a premiare questi cittadini modello? Il gruppo a breve è pronto per nuove operazioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400