Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Salvare il convento di San Lorenzo, appello al territorio
0

Salvare il convento di San Lorenzo, appello al territorio

Piglio

Una lettera aperta ed un grido di allarme quello del segretario provinciale della Uil – politiche sociali Emilio Lucidi all’indirizzo dei sindaci di Piglio Mario Felli, di Serrone Natale Nucheli e dei paesi limitrofi oltre che a tutte le Pro loco e gli enti di promozione del territorio, affinché si mobilitino in difesa del Convento di San Lorenzo, custodito da Frati Minori Conventuali a rischio di chiusura per la grave crisi nelle vocazioni.
«Le insistenti voci sul trasferimento a settembre prossimo dei due frati che lì risiedono significherà la chiusura definitiva del convento – si legge nella nota di Lucidi – il che significherebbe mortificare la storia e le tradizioni di un popolo al di là di là del prevalente aspetto religioso, che da sempre lega le comunità a qual luogo sacro, peggio ancora se questo dovesse avvenire tra i silenzi di tutti gli enti pubblici preposti alla tutela ed agli interessi delle comunità che rappresentano. Un convento che detiene un patrimonio religioso ed umano con le esequie, di persone che hanno fatto la storia di Piglio e dei paesi vicini, e che volendola vedere anche sotto forme più terrene potrebbe anche dare impulso alla economia e quindi aiuto a persone e famiglie in difficoltà. È buona cosa– chiude Emilio Lucidi - alzare il livello di attenzione, una presa di coscienza sulla necessità di adottare insieme alle forze sociali, economiche, politiche e i cittadini i provvedimenti utili ad evitare una offesa per le comunità. Siamo certi che le autorità religiose sapranno valutare con coscienza». A rischio un importante pezzo di storia ciociara voluto da San Francesco che vi transitò, che custodisce le spoglie del Beato Andrea Conti (zio del Pontefice Bonfacio VIII) di cui è in corso la causa di santificazione, così come per il Venerabile Padre Quirico Pignalberi anche lui li custodito e che ospitò San Massimiliano Maria Kolbe, che qui insieme al Padre Quirico fondò la Milizia Mariana.Tonino Ricci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400