Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









<Alla fine tutti i nodi vengono al pettine>, Baccarini a tutto campo
0

"Alla fine tutti i nodi vengono al pettine", Baccarini a tutto campo

Fiuggi

Il capogruppo di minoranza Alioska Baccarini torna ad affondare il colpo verso la maggioranza del sindaco Martini. E svela anche dei curiosi retroscena

 

<Alla fine tutti i nodi vengono al pettine. Il sindaco Fabrizio Martini e la sua maggioranza, davanti ai tanti troppi disastri prodotti, non hanno più alibi e le loro balle non convincono più nessuno>. Questo l'inizio della dura nota dell'esponente di minoranza. <La settimana scorsa la produzione dell’Acqua Fiuggi è stata ferma per diversi giorni, non vi erano le bottiglie in vetro perché i fornitori ormai pretendono dall’azienda pagamenti in contanti. Ottenuta una breve e momentanea dilazione, i giorni successivi la produzione è andata ancora una volta il tilt, questa volta mancavano le etichette. A seguire il sindaco ha nominato il nuovo Amministratore Unico, senza che gli uomini della sua maggioranza ne sapessero nulla, salvo apprenderlo a fatto compiuto. Ennesima dimostrazione che non contano e decidono su nulla, ridotti ormai al ruolo di belle statuine utili soltanto per alzare la mano in consiglio comunale. Sorvoliamo poi sulla qualità delle scelta, una geologa che appena nominata, visto che le cose in azienda vanno “molto bene”, ha deciso di andarsene subito in ferie in un momento drammatico come quello che sta attraversando Atf, con i conti paralizzati a seguito di pignoramento presso terzi e i nuovi debiti che si vanno accumulando in azienda ed in Comune. Ora dopo aver dissestato le casse comunali, continuando a nascondere i fatti alla città, di un advisor a Fiuggi nei prossimi giorni che certo arriverà. Però pure il più sprovveduto dei ragazzini sa che processi di questo tipo, ammesso e non concesso che possa arrivare una proposta accettabile, necessitano tempi lunghi, non meno di un anno come del resto ammesso dallo stesso sindaco. Tra l’altro sconfessando quanti dei suoi hanno sempre parlato di gestione pubblica, anche qui mentendo alla città in campagna elettorale. Quindi un'altra balla utile solo a guadagnare tempo. Mentre Fiuggi sprofonda sempre più. Le Terme ad agosto registrano pochissimi curanti, le vendite della Fiuggi continuano a crollare, gli alberghi finiscono nelle aste giudiziarie ed la gente continua a perdere il posto di lavoro. Questo spiega anche perché ormai una città intera chiede le immediate dimissioni del sindaco e della sua giunta. Non si può restare attaccati ad un poltrona o ad una indennità di mansione, qualche centinaia di euro al mese, mentre tutto intorno a loro va in mille pezzi è immorale. Di tutto questo presto dovranno renderne conto ad una città intera ed agli organi inquirenti e giudiziari competenti Corte dei Conti compresa>

                                                                                                         

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400