In piazza IV Novembre, infatti, si sono presentati oltre 50 proprietari di cani, che così hanno potuto usufruire gratuitamente della microchippatura del proprio cane, che avviene casualmente qualche giorno dopo l’avviso da parte del comune di Trevi dell’avvio di sanzioni ai proprietari di cani che non raccolgono le deiezioni dei propri quadrupedi. La giornata fa riferimento ad una legge regionale che riguarda la “tutela degli animali di affezione e prevenzione del randagismo. Per la cronaca la campagna di microchippatura, terminata a Trevi intorno alle 11 è proseguita agli Altipiani (11.15 – 13) per concludersi nel primo pomeriggio a Piglio.