Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Raccolta sangue da record: 115 flaconi consegnati al Bambino Gesù. E sabato 20 tutti dal Papa
0

Raccolta sangue da record: 115 flaconi consegnati al Bambino Gesù. E sabato 20 tutti dal Papa

Piglio

In occasione della “Giornata per la vita” istituita a livello nazionale dalla Chiesa Cattolica, si è svolta a Piglio Domenica 7 Febbraio 2016 dalle ore 8 alle ore 11,30 la 43^ giornata della donazione del sangue a favore dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù.

Era presente alla raccolta l’equipe dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù” di Roma con 5 medici e 5 infermieri i quali,  con la loro indiscutibile professionalità,  hanno visitato 130 persone venute anche come al solito dai paesi limitrofi, e prelevate 115 unità di sangue, che si aggiungono ai quattromila flaconi di sangue raccolti in 42 donazioni per l’Associazione donatori pigliesi, costituita 20 anni fa, il 1° Ottobre 1995, è un vero record considerato il basso numero di abitanti di Piglio, mostrandosi sempre presente laddove le necessità lo richiedono.  In cambio i donatori  riceveranno  l’esame completo e gratuito del sangue. Il paese di Piglio è orgoglioso di annoverare tra i suoi cittadini un gruppo  così numeroso che si presta a fornire atti così encomiabili, di solidarietà e di senso civico "Chi dona il sangue -a detta degli esperti- è meno esposto al “diabete 2”, non insulino- dipendente" Gli epidemiologi hanno da tempo osservato che la donazione periodica di sangue è associata ad una riduzione del rischio di diabete di tipo 2 (non insulino-dipendente). Alcuni studi hanno, per esempio, investigato la correlazione tra depositi di ferro e sensibilità all’insulina in donatori di sangue e soggetti che non hanno mai donato sangue. In uno studio su 181 individui maschi, è stato dimostrato che i donatori che avevano eseguito almeno due donazioni di sangue, presentavano una maggiore sensibilità all’insulina ed una riduzione della secrezione dell’ormone, rispetto agli individui non donatori. La donazione abituale di sangue è quindi associata contemporaneamente con un aumento della sensibilità all’insulina e con una riduzione dei depositi di ferro. Tali depositi sembrano influenzare negativamente l’azione dell’insulina anche in soggetti sani, e non solo in individui con patologie classicamente correlate ad un accumulo di ferro come l’emocromatosi e l’emosiderosi. Tra l’altro, quest’evidenza clinica impone alla comunità scientifica una revisione del concetto di “eccesso” applicabile ai depositi di ferro nei soggetti sani. Questi dati suggeriscono, quindi, che la donazione periodica di sangue può esercitare un’azione protettiva nei confronti di patologie croniche molto gravi”. Sabato 20 Febbraio a Roma l’incontro dei donatori di sangue d’Italia con Papa Francesco. Decine di migliaia di volontari FIDAS, Avis, Fratres e Croce Rossa italiana si daranno appuntamento a Piazza San Pietro per celebrare il valore del dono. L’incontro con Papa Francesco si svolgerà alle ore 11. Dalle 7 saranno aperti i tornelli in Piazza San Pietro in modo da permettere ai donatori provenienti da tutta Italia di prendere posto. Nell’attesa alcuni cori di donatori hanno preparato una selezione di canti. Al termine dell’incontro per chi vorrà sarà possibile accedere alla Basilica di San Pietro attraverso la Porta Santa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400