“Il fallimento di questa amministrazione nella gestione della questione Acea, come quella precedente, è palese ma visti questi goffi tentativi per tutelare i cittadini ci fanno pensare che in realtà siano solo estremi tentativi per mischiare le carte e far credere che c’è una blanda opposizione allo strapotere di Acea. Infatti ricordiamo che il Sindaco Morini ha votato per il piano di investimenti di Acea. Vedere ora ordinanze scritte male e che il Comune non si è nemmeno costituito in giudizio, e qui chi pensa male potrebbe dire che già sapevano che il Tar avrebbe dato ragione ad Acea, ci fa capire come la tutela dei cittadini verso Acea e i privatizzatori dell’acqua può arrivare solo da chi è lontano da logiche di mercato e non certo da partiti come PD e Forza Italia che hanno affossato il referendum sull’acqua”. Conclude poi il Deputato del Movimento 5 Stelle Luca Frusone “Ad Alatri abbiamo già assistito molti cittadini che volevano contestare le ingiuste bollette di Acea e continueremo e abbiamo già alcune proposte sia a livello nazionale che a livello locale per arginare lo strapotere di Acea e restituire al pubblico la gestione dell’acqua, bisogna solo metterci alla prova”.