Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Alatri

Pasquale Caponera

0

La politica si infiamma
Caponera a tutto campo

Alatri

ll centro-destra guarda ad una coalizione civica, lo stesso obiettivo solletica una parte del centro-sinistra che non si riconosce nel Pd, l'ex assessore Galione sta lavorando ad un altro progetto civico. Considerazioni che portano con loro altre riflessioni: primo, alle prossime elezioni comunali i partiti classici potrebbero esser presenti con una pattuglia ridottissima; secondo, è utile capire quale sarà la collocazione della storica lista “Programma Alatri”, sulla breccia dal 1994.

Lo abbiamo chiesto ad uno dei leader della formazione, Pasquale Caponera. 

Caponera, a 21 anni di distanza dalla comparsa di “Programma Alatri”, questo movimento civico ha ancora da dare qualcosa alla città?

“Certamente. Il fatto che si guardi a liste civiche, significa che la nostra intuizione del '94 era giusta e motivata. La gente non si fida molto o non più dei partiti tradizionali, specie per quel che riguarda le questioni del proprio territorio”.

Il simbolo di “Programma Alatri” sarà quindi presente sulla prossima scheda elettorale?

“E' fuori di dubbio. La nostra lista ha ancora molto da poter dare”.

Avete partecipato a diversi incontri, ma nessun accordo è stato raggiunto...

“Vero, siamo stati interpellati, ma non abbiamo raggiunto intese definitive. Le trattative sono in corso”.

Esiste la possibilità che andrete da soli?

“Presto per dirlo. Formeremo comunque almeno due liste”.

Il confronto con Luciano Bellincampi non ha prodotto esiti soddisfacenti?

“La sua idea di amministrazione non collima con la nostra: la troviamo fumosa. Siamo distanti”.

Tarcisio Tarquini possibile candidato a sindaco?

“No, perché “Programma Alatri” ha idee diverse”.

La preside Maria Grazia Martina?

“Ottimo dirigente scolastico, ma guidare una città è ben altra cosa”.

Siete quindi lontani anche dall'ex assessore Vincenzo Galione...

“Ha iniziato a criticare pesantemente questa amministrazione quando è stato mandato via: dov'era stato fino ad allora? È corresponsabile della situazione che la città sta attraversando”.

Punterete allora ancora una volta su Patrizio Cittadini?

“Cittadini è una risorsa per “Programma Alatri” e per la città, ma abbiamo anche almeno altri due nomi da poter spendere. Saprete tutto molto presto”.

Un giudizio sull'attuale amministrazione?

“Negativo. Siamo ad un passo dal dissesto finanziario, dal baratro. Chi amministrerà Alatri dal 2016 al 2021 dovrà gestire macerie e disastri”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400