Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









“Le ragioni della famiglia in Russia, in Italia ed in Occidente”, giovedì il convegno
0

“Le ragioni della famiglia in Russia, in Italia ed in Occidente”, giovedì il convegno

Alatri

L’associazione Pro Vita Onlus, in collaborazione con una serie di realtà territoriali, promuove il convegno di caratura internazionale dal titolo: “Le ragioni della famiglia in Russia, in Italia ed in Occidente”, dedicato alla difesa della famiglia tradizionale, alla conoscenza delle politiche legislative messe in atto in Russia in tal senso e all’attualità geopolitica. L’evento si svolge all’interno del tour italiano nel quale è impegnato in prima persona Alexey Komov, presidente del Congresso mondiale delle famiglie all’Onu, ospite d’onore del dibattito e chiamato a relazionare sul ruolo culturale che la famiglia ha assunto in Russia dalla fine del comunismo ad oggi. La Russia, d’altro canto, diviene di mese in mese un grosso punto di attrazione per coloro che ritengono vi sia una necessità storica di difendere la famiglia naturale e la vita nascente. L’iniziativa prevista per il 6 di Ottobre alle ore 18,00, presso l’ultimo piano palazzo Conti Gentili di Alatri, tuttavia, sarà anche l’occasione per sprofondare nell’attualità geopolitica essendo previsti gli interventi di Gian Micalessin, giornalista italiano, firma de Il Giornale e storico reporter di guerra e Sebastiano Caputo, direttore de L’Intellettuale dissidente. Entrambi reduci da esperienze giornalistiche in Siria, relazioneranno rispettivamente sul ruolo della Russia nel conflitto siriano e sulla necessità del dialogo tra il mondo ortodosso e quello sciita per porre fine all'attuale caos


Previsti, inoltre, gli interventi di Federico Iadicicco, presidente dell’Anpit, di Toni Brandi, presidente di Pro Vita onlus, del Professor Biagio Cacciola e di Sabrina Minucci, consigliere comunale di Marino. Modererà il dibattito Francesco Boezi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400