Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









Casa parto: apertura tra veleni Il sindaco Morini: è tutto falso

Il sindaco di Alatri Morini

0

Morini lancia la sfida a Pavia e chiede un confronto pubblico

Alatri

"Anzitutto - afferma il sindaco Giuseppe Morini - voglio ringraziare tutti quei Concittadini che ci hanno confermato la loro fiducia. Ho piacere che il messaggio che abbiamo lanciato in questa campagna elettorale, sia stato raccolto: abbiamo voluto presentarci alla Città con quello che abbiamo fatto in questi cinque anni. E la Città ci ha premiato".

"La campagna elettorale è stata dura: la presenza di ben 6 candidati sindaco e di 23 liste, con oltre 360 candidati consiglieri la dice lunga su quanto possa essere stato difficile per tutti acquisire il consenso. I numeri però parlano chiaro: il voto si è parzializzato, disperso nei legami familiari e di amicizia, proprio per questo ritengo il risultato ottenuto ( circa il 32%) una grande vittoria. Ha vinto il buon senso, la correttezza e il riconoscimento del buon lavoro svolto in questi cinque anni.  Un ruolo determinante per questo risultato l’hanno avuto i candidati a consigliere comunale della mia coalizione. Vecchi e nuovi, tutti in egual modo hanno contribuito, per quanto nelle loro possibilità, all'ottenimento di questo risultato. Hanno messo in campo tutto quello che potevano, con spirito di sacrificio, con grande passione e alto senso di appartenenza. Abbiamo ancora una volta dimostrato che il lavoro di squadra, la partecipazione e la condivisione sono il metodo migliore per arrivare all'obbiettivo: in una competizione dove è naturale che emergano anche personalismi e individualità, siamo riusciti a lavorare tutti insieme come un vero squadrone! Voglio approfittare per fare un apprezzamento personale nei confronti di quei candidati a sindaco che non hanno raggiunto l’obiettivo del ballottaggio: credo che ciascuno di loro, nel comprensibile agone della competizione elettorale, abbia dimostrato correttezza, chiarezza nella proposta politica e programmatica, non lasciando spazio all'inciucio e a quelle “strane e innaturali alleanze” di colui che è arrivato secondo. In effetti quello che in questa campagna elettorale non mi è stato chiaro è la proposta dell’avvocato Pavia: mai l' ho sentito parlare di programmi, mai formulare una proposta politica seria per la governabilità della città, apparendo, di fatto, come soggetto estraneo alla nostra Alatri. A lui rivolgo l'invito a confrontarsi direttamente, faccia a faccia e pubblicamente sui programmi, sui progetti, su quello che intendiamo proporre per la nostra città. E’ giusto che i nostri Concittadini conoscano, possano valutare e confrontare le proposte amministrative dei candidati sindaco. Io sono a completa disposizione, come sempre. Caro Pavia anche per te è il momento di uscire allo scoperto, cerca di cogliere l’opportunità di farti conoscere ed eventualmente di farti apprezzare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400