"Al mister e ai suoi collaboratori vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro fin qui svolto. La società augura all'allenatore le migliori fortune per il futuro". È questa una delle tante formule che, di tanto in tanto, si leggono sui siti ufficiali delle compagini calcistiche. E il campionato di Serie B non fa eccezione. L'ultimo, in ordine cronologico, a perdere il posto di lavoro è stato Cristian Brocchi, tecnico esonerato dal Brescia. L'ex Milan ha pagato a caro prezzo la battuta d'arresto subita in trasferta con la Salernitana nell'ultimo turno. Terza sconfitta consecutiva e guai in classifica con i lombardi in piena zona "rossa". Il Brescia ha scelto Cagni per il finale di stagione. Da un (quasi) emergente a un tecnico molto esperto. Brocchi è comunque in buona compagnia. Il Bari, ad esempio, ad inizio stagione, aveva puntato su Roberto Stellone, ex trainer dei ciociari. La sua avventura in biancorosso è durata appena quattro mesi. Esonerato dopo il ko esterno con il Latina (tredicesima giornata). Al suo posto è stato scelto dalla dirigenza Stefano Colantuono. Record di cambi per la Ternana, attuale fanalino di coda del campionato di Serie B con ventisei punti. Comincia Christian Panucci. Gli umbri passano il turno di Tim Cup contro il Pordenone ai tempi supplementari. Quattro giorni dopo arriva l'esonero. Squadra affidata a Sebastiano Siviglia: da un ex difensore della Roma a un ex difensore della Lazio. Gestione provvisoria perché per la prima giornata del torneo cadetto la palla passa a Benito Carbone. Un allenatore-manager: all'inglese, per intenderci. La sua squadra, a Pisa (prima giornata di ritorno), subisce la quarta sconfitta di fila. L'ex fantasista di Napoli e Inter si dimette. In pole c'è Gautieri. E la società punta su di lui. Le cose non cambiano e dopo aver visto i rossoverdi perdere sei incontri su sette, la società opta per un cambio: fatale lo scivolone interno con la Pro Vercelli. Tocca a Fabio Liverani. È partito bene battendo allo stadio "Liberati" il Trapani. Gli stessi siciliani, in lotta per il consolidamento della categoria, hanno effettuato un cambio in panchina: esonerato Serse Cosmi dopo lo stop in trasferta con il Pisa e l'ultimo posto solitario in classifica. Squadra affidata a Valeriano Recchi, traghettatore per un turno (Trapani-Carpi, diciassettesima giornata). Giusto il tempo di raggiungere l'accordo con Alessandro Calori. Ma fin qui il campionato di Serie B ha visto altri quattro avvicendamenti. Mister mandati in... panchina. E sostituiti. Come a Vicenza. L'avventura di Franco Lerda è durata appena sette partite: una vittoria, due pareggi e quattro battute d'arresto. L'ultima, subita a Chiavari contro la Virtus Entella, decisiva ai fini del cambio. Il Vicenza ora è allenato da Pierpaolo Bisoli. Da una formazione in lotta per la salvezza ad un'altra. Andiamo a Cesena. Fatali a Massimo Drago i sigilli dei canarini Daniel Ciofani e Paganini nel successo del Frosinone sui bianconeri alla dodicesima gara. Comunicato ufficiale. Esonero. Ciao Drago. La gestione tecnica della prima squadra ad Andrea Camplone. Dimissioni, invece, in casa Salernitana. Dopo un cammino altalenante e il pareggio casalingo con la Pro Vercelli Giuseppe Sannino ha rassegnato le proprie dimissioni. Squadra ad Alberto Bollini, ex Lazio. Una netta sconfitta (tre a zero contro il Cesena nel sedicesimo turno) è costata cara a Domenico Toscano, sollevato dall'incarico di allenatore dell'Avellino. Biancoverdi agli ordini di Walter Novellino.