Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Giovane infermiera trovata morta a Londra nella sua stanza: giallo sulle cause

Cassino

La notizia è rimbalzata tra i tanti amici di Cassino nella tarda serata di ieri come un fulmine a ciel sereno. Nicole Maria Teresa Gentili, ventiquattrenne di Cassino, è stata trovata senza vita a Londra. Informazioni frammentarie, che ora dopo ora hanno costruito un quadro affatto chiaro ma senza ombra di dubbio agghiacciante.

La tragedia

Possibile che Nicole sia stata colpita da un malore fatale? Un’idea difficile da accettare. Ma al momento nessuna ipotesi può essere esclusa, neppure quella che la bellissima ragazza - a quanto pare straordinaria e molto preparata- sia stata colta da un improvviso malessere che l’avrebbe strappata prematuramente all’affetto dei suoi cari. Di certo, il decesso può essere collocato tra la notte di lunedì e la mattinata di ieri, quando la ragazza sarebbe stata trovata senza vita nella sua abitazione londinese che condivideva con alcune amiche.

La laurea e subito a Londra

Da marzo, quando aveva conseguito la laurea in Scienze Infermieristiche, era volata a Londra (dove vive anche uno zio) dove stava coltivando la sua passione: lavorava senza sosta nel Princess Alexandra Hospital. Una professione totalizzante, fatta di enormi sacrifici ma altrettanto gratificante per chi, come lei, si era guadagnata tutto da sola. Dopo la morte di suo padre, noto e stimato avvocato del Foro di Cassino, la giovane (come riferito dai suoi amici) si era buttata anima e corpo negli studi. E aveva raggiunto in pochissimo tempo il traguardo prefissato. Quando ieri sera la terribile notizia ha raggiunto la città martire in molti hanno pensato che si trattasse di un errore.

Nessuna spiegazione

Nessuno ha voluto parlare. Anche i residenti della zona Colle Fionda, che ben conoscono la sua famiglia, hanno preferito il silenzio, esprimendo solo un profondo cordoglio per la mamma di Nicole e per sua sorella, che sembrerebbe essere tornata da poco da Londra, dove aveva raggiunto sua sorella per il periodo natalizio. Difficile stabilire, prima che le autorità inglesi portino a conclusione gli accertamenti del caso, se si sia trattato di un malore fatale o di altro. Indescrivibili lo sgomento e il dolore dei tanti amici raggiunti ieri sera dalla infausta notizia. Attesi gli sviluppi sull’indagine aperta per stabilire le esatte cause del decesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400