Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Lunedì 05 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

L’auto di una prostituta distrutta dalle fiamme

Ceccano

Nella notte di mercoledì, sulla via Morolense, una Renault Twingo vecchio modello di proprietà di una prostituta che lavora sull’Asse attrezzato e utilizza l’auto come alcova per ricevere i clienti, ha preso fuoco. La donna è una ventiquattrenne nata e residente a Ceccano e l’auto era parcheggiata davanti la sua abitazione. Sul luogo sono prontamente intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento l’incendio, anche se la vettura è rimasta completamente distrutta e i carabinieri della locale stazione che, fatti i rilievi di rito, hanno avviato le indagini per comprendere l’origine della conflagrazione.

Al momento, tutte le ipotesi sono al vaglio degli inquirenti e non si può escludere l’atto doloso. La donna lavorava nel capoluogo sulla “Strada della prostituzione”, dove ogni giorno, nonostante le retate delle forze dell’or - dine e i continui controlli decine di donne, soprattutto straniere, vendono il proprio corpo. Una tratta vergognosa di nuove schiave che, private della loro dignità, sono costrette a vendere se stesse a uomini che, dopo aver contrattato velocemente il prezzo, le fanno salire sulle loro auto anche in pieno giorno, magari dopo aver lasciato i figli a scuola e le moglie al lavoro.

Tutto questo in una strada ad alto scorrimento, molto trafficata, per il discreto numero di aziende presenti e per il frequentatissimo centro commerciale. L’incendio dell’auto della prostituta ceccanese apre uno squarcio su un mondo fatto di minacce e regolamenti di conti. A chi dava fastidio la giovane? A qualche sua collega, a chi gestisce il traffico? Sta agli inquirenti accertarlo per far sì che l’Asse attrezzato non diventi, ancora di più, terreno di lotte tra sfruttatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400