Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Martedì 06 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Un'invasione di rifiuti senza fine. Esplode la polemica

Ferentino

Un’area devastata dall’inciviltà. Dalla cattiva abitudine di non differenziare, di disfarsi dei rifiuti senza pensare alle conseguenze. Si raggiunge la zona con la macchina o furgoni e senza pensarci su si abbandonano sacchi pieni chissà di cosa, amianto, pneumatici, ingombranti, plastica, carta, insomma chi più ne ha più ne metta. Un’area sotto gli occhi di tutti, quella in via Pozzo Bagnolo, strada che costeggia l’aeroporto in zona Roana, e che già più volte è stata oggetto di segnalazioni ma purtroppo la mano degli incivili è sempre pronta a colpire. Uno scenario che è stato fotografato anche da Antonio Muscolo, cittadino di Ferentino, ex presidente del comitato di zona Roana- S.Maria Maddalena.
"Per l’ennesima volta mi ritrovo a postare foto che si riferiscono all’abbandono di rifiuti da parte di ignoti/idioti in via Pozzo Bagnolo. Sto ancora aspettando che chi di dovere, adotti le misure necessarie per reprimere l’inciviltà e si adoperi per ripristinare lo stato dei luoghi. Si tratta di una vera e propria discarica abusiva con presenza di materiali pericolosi per la salute dell’uomo. Materiali speciali tipo amianto e liquidi di dubbia classificazione contenuti in bidoni. Era facile immaginare che con la raccolta differenziata, l’abbandono di rifiuti di qualsiasi genere sulle nostre strade, sarebbe aumentato senza un adeguato controllo capillare del territorio e senza la creazione di un’isola ecologica".
Muscolo chiede all’assessore Martini "possibile che un vasto territorio come quello di Ferentino, non abbia ancora una propria isola ecologica? Possibile che non si siano nemmeno poste queste elementari domande?" 
E al sindaco Antonio Pompeo chiede "come intende procedere per la bonifica del luogo? Trattandosi di rifiuti speciali, rientra nelle competenze del comune porre in atto tutte le azioni necessarie atte a tutelare la salute dei propri cittadini e dell’ambiente. Chiedo anche l’aiuto dell’opposizione affinché denunci nelle sedi opportune questo scempio. Il degrado ambientale esiste ed è in continuo aumento".
Negli ultimi mesi i carabinieri e i vigili urbani sono riusciti a smascherare “i furbetti”, ma purtroppo il territorio è molto vasto e gli incivili non si fermano davanti a nulla.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400