Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Venerdì 02 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Auto devastata dai vandali alla stazione: amara sorpresa per un pendolare di Veroli

Ferentino

Ancora un altro atto vandalico. Di nuovo in azione contro un'auto parcheggiata alla stazione ferroviaria. Ennesimo colpo ai danni di chi si reca a Roma per andare a lavoro e al rientro trova la propria macchina devastata. E così è stato anche ieri per un pendolare, un cittadino di Veroli. Aveva raggiunto la stazione di Ferentino, anche perché per comodità e' più semplice arrivare tramite la superstrada nella città gigliata, e aveva parcheggiato la vettura nell'area di sosta della stazione. Al ritorno l'amara sorpresa. Il finestrino completamente distrutto. Con quello di ieri non si contano più ormai gli atti vandalici.
Forte il desiderio, e soprattutto la speranza, dei pendolari, cittadini e comitati, che la stazione ferroviaria di Ferentino, ora terra di nessuno, possa tornare ad avere i servizi di un tempo e soprattutto la sicurezza che ora mancano. Perché non provare a "copiare le buone idee". Questo il messaggio lanciato da Vincenzo Pomi, del gruppo "Cambiare" al sindaco Antonio Pompeo, anche in vista dell'incontro organizzato dal primo cittadino per il prossimo 4 febbraio per cercare di risolvere le criticità dell'area. Criticità che si registrano ormai da troppo tempo: vandali in azione di giorni e di notte, auto ritrovate su quattro blocchetti senza gomme, oppure con i finestrini rotti o devastate. Servizi assenti, bagni inesistenti. Forte il grido d'allarme dei pendolari che sono tornati a chiedere interventi risolutivi e concreti. Il sindaco l'altro giorno ha inviato una lettera ai vertici di Rfi chiedendo un incontro per trovare soluzioni, ravvedendo pertanto la necessità, non più procrastinabile, di procedere a un'idonea sistemazione complessiva del sito, con la dotazione di servizi in grado di soddisfare le esigenze dei viaggiatori e garantire il controllo dell’area, tenuto conto anche dell'accresciuta utenza della locale stazione ferroviaria, a seguito dell'apertura al traffico della superstrada Sora-Ferentino e del casello autostradale.
La proposta
"Sindaco prenda esempio dal Comune di Ceccano che grazie all'associazione "Tolerus" ha ripulito i locali e fatto rinascere il giardino, creando un centro di documentazione sulle tematiche ambientali, un ecomuseo e una sala multimediale - scrive Vincenzo Pomi del movimento "Cambiare". Queste sono le idee su cui dovrebbe fondarsi una società che guarda al futuro". Un'idea condivisa anche da molti pendolari, dal capogruppo consiliare di Sel, Marco Maddalena. Insomma, tutti vogliono che la stazione torni ad essere un fiore all'occhiello del territorio e soprattutto a garantire servizi e sicurezza ai fruitori dell'area, stanchi di ritrovarsi spiacevoli sorprese al ritorno da Roma o Cassino dopo una giornata di lavoro o studio, per cercare di avere un futuro migliore. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400