Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Giovedì 08 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Pranzo di Natale per i detenuti: regalo a sorpresa del vescovo

Cassino

Per una giornata l'enorme salone all'interno del carcere San Domenico di Cassino si è vestito a festa. Un ricco menù e camerieri gentili e professionali hanno permesso ai detenuti della casa circondariale di vivere un momento unico. Nel finale il regalo a sorpresa del vescovo!

A organizzare questo speciale "pranzo di Natale" è stata la Caritas diocesana. L'idea si è potuta realizzare giovedì scorso grazie alla grande disponibilità del direttore Irma Civitareale e di tutto il suo staff, e grazie all'istituto Alberghiero, guidato dal Dirigente Filomena Rossi, che ha messo a disposizione personale, competenze, arredi. In un salone trasformato in elegante ristorante, i volontari e amici della Caritas più sensibili ai problemi delle persone recluse, hanno trascorso un bel momento di convivialità insieme a più di sessanta detenuti, scelti tra coloro che hanno più problemi, perché lontani dalla famiglia e quindi privi di quel conforto morale e materiale che solo la famiglia sa dare. 

All'inizio del pranzo, tutto hanno voluto portare il loro saluto: la dottoressa Civitareale, dando la professoressa Filomena Rossi, la direttrice Caritas Cassino Maria Rosaria Lauro che, con i suoi volontari si è impegnata per questo progetto e il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, ancora una volta presente, che ha sottolineato la bontà dei progetti che aiutano i reclusi a ricostruirsi una nuova vita. Infine Don William Di Cicco, in rappresentanza del Vescovo Antonazzo, che ha benedetto la tavola.  

I docenti e gli studenti dell'Alberghiero hanno svolto con professionalità un ottimo lavoro, sia nelle cucine e sia nel servizio. Un bel menù, atto a valorizzare i prodotti tipici e le eccellenze del territorio e un'atmosfera cordiale hanno favorito quel clima di distensione e di amicizia che sa rasserenare gli animi e infondere fiducia a chi si trova privato non solo della libertà per aver commesso errori, ma anche di prospettive per il futuro.

Un momento toccante e a sorpresa è stato quando Don William ha annunciato di aver portato a nome del vescovo, molti dolci per i detenuti (ne aveva la macchina piena!), offerti dalla parrocchia abruzzese di Civitella Roveto e Meta, dolci di tutti i tipi, acquistati o preparati in casa, tutti destinati ai detenuti, non per il pranzo odierno ma per le festività natalizie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400