Sentimenti forti ed emozioni che arrivano direttamente da Lourdes. E' il primo pellegrinaggio mariano dopo l'unificazione della diocesi tra la realtà di Cassino/Montecassino con quella sorana. E Gerardo Antonazzo ha voluto guidarlo lui stesso, accompagnando in ogni gesto, momento, preghiera o silenzio ai piedi della statua mariana i duecento fedeli che stanno partecipando. 

Oggi è stata una giornata speciale. Dapprima, in mattinata, il passaggio alla porta santa di Lourdes mentre il pomeriggio il vescovo ha presieduto la processione, la messa internazionale degli ammalati e il santo rosario. Tutto in diretta su Tv2000. Con lui tantissimi seminaristi e sacerdoti della diocesi, insieme a don Mimmo direttore spirituale.

"E' alto il valore di questo pellegrinaggio - ha detto il vescovo a fine celebrazione - perché è la prima volta che la diocesi condivide questa esperienza spirituale mariana. Stiamo vivendo un percorso che ci porta a scoprire il senso della comunione che noi chiamiamo anche condivisione, integrazione e che diventa fraternità. E tutto questo lo viviamo ai piedi e nel cuore della Madonna. Oggi è stata una giornata particolarmente intensa perché ci ha visto attraversare momenti importanti, soprattutto il rosario ai piedi di Maria: questa grotta esercita una forza di attrazione grande. Andare via dalla grotta, anche per pochi istanti, è sempre uno strappo perché non si vuole lasciare mai questo posto dove proprio lei, Maria, ha voluto dare un segno forte, fondato, della sua speciale presenza".