Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 04 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

A Roma in migliaia per la maratona del piccolo Luca

Cervaro

Luca, un autentico guerriero, sta commuovendo tutta l'Italia con la sua tenacia e grazie alla forza dei suoi genitori.

Si sta svolgendo in questo momento la maratona di Roma a lui dedicata. E il piccolo Luca corre insieme agli altri grazie al suo papà Fabio che, accompagnato da decine di volontari, stanno conducendo la sua bicicletta-carrozzina speciale per 42 chilometri.

Un evento che ha richiamato nella capitale maratoneti da tutta la Penisola, pronti a correre per una nobile causa. Tutto nasce dai genitori di Luca e da Genitin onlus, l'associazione dei Genitori per la Terapia Intensiva Neonatale che ha dedicato a Luca la maratona di Roma di 42 km con il progetto dal titolo "I 42.195 passi di Luca per Genitin Onlus".

Ma chi questo piccolo guerriero di Cervaro? Luca ha quasi dieci anni ed ha iniziato a combattere sin da quando è nato, a 34 settimane. La sua forza e la voglia di vincere lo hanno condotto a superare prove difficilissime. E' venuto alla luce il 19/01/2006 al Policlinico Agostino Gemelli di Roma a 34 settimane di gestazione con una grave idrocefalia triventricolare postemorragica. Ha trascorso i suoi primi 3 mesi nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale. Dopo diversi interventi, è stato trasferito per un altro mese nel reparto di neurochirurgia infantile, per l’ultimo intervento alla testa. Finalmente il giorno 11 Maggio 2006 arriva il momento di andare a casa con tante preoccupazioni da parte dei genitori. Ma pian piano tutto è stato affrontato e il sorriso di Luca insieme ai suoi progressi sono diventati un autentico "miracolo" anche per i medici che lo seguivano.

E ora Luca ha lanciato una sfida al mondo: insieme si possono fare tanti passi e raggiungere i propri traguardi. Grandi e piccoli: basta non arrendersi mai.

Al suo fianco mamma Lorisa, papà Fabio e una rete di amore mai vista: diversi i pullman partiti da Cervaro e da Cassino per sostenere Luca e la sua sfida. A Roma, ad attendere questa famiglia speciale tanti sportivi, tante persone nella stessa condizione e Max Giusti, testimonial dell'evento organizzato da Genitin.

Ma già ieri sono arrivati importanti premi. La stessa Genitin ha ricevuto il terzo premio come associazione che ha raccolto più fondi tramite l'onlus "Rete del dono". Tutto è avvenuto al Marathon Village al palazzo dei congressi di Roma all'Eur. In quella stessa cornice l'associazione "I love papà" ha eletto Luca miglior figlio dell'anno. A premiarlo Alex Zanardi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400