Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Domenica 11 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

L'accademia nazionale di cucina assaggia i sapori ciociari

Castrocielo

Le prelibatezze ciociarie servite con amore e con passione. E soprattutto promosse dall'accademia nazionale di cucina. Un evento unico che ha conquistato i presenti.

La delegazione della Ciociaria dell'Accademia Italiana della Cucina, che quest'anno festeggia il trentennale della sua costituzione, ha organizzato una conviviale nel giorno della domenica della Palme, al ristorante Villa Euchelia di Castrocielo, alla presenza del Delegato avvocato Carlo Marsella e del simposiarca avvocato Carmine Costanzo Miele. Il menù presentava pietanze semplici della cucina tradizionale ciociara nel rispetto della tradizione culinaria del territorio che ha reso la gastronomia ciociara famosa in tutti il mondo dove l’ingrediente più importante è l’amore che ogni ciociaro profonde nel preparare ogni singola pietanza.

Il risultato della conviviale, espresso in un unanime giudizio degli accademici, altamente positivo, è dovuto al rispetto delle tradizioni del territorio ed alla connessa ricerca storica dei piatti presentati. Nell’occasione una compagnia di "Cantori della Palma" di Castrocielo si è esibita nel tradizionale Inno alla Palma che da tempo si tramanda in Ciociaria, suscitando nei presenti antichi sentimenti e commozione.

L'Accademia Italiana della Cucina è nata - naturalmente a tavola, come accade spesso per le cose importanti - quando un gruppo di amici, riuniti a cena il 29 luglio del 1953, ascoltarono e condivisero l'idea che Orio Vergani perseguiva da tempo: quella di fondare un'Accademia col compito di salvaguardare, insieme alle tradizioni della cucina italiana, la cultura della civiltà della tavola, espressione viva e attiva dell'intero Paese. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400