Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 03 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Tir rimosso ma la superstrada resta chiusa

Cassino-Formia

L'enorme tir, un Volvo s12 rosso fuoco, precipitato dal viadotto all'altezza di Ausonia è stato recuperato. Ore e ore di lavoro con diverse gru, private e dei vigili del fuoco, per rialzare l'autoarticolato dalla scarpata nella quale ieri pomeriggio è volato giù dopo che il conducente ha sbandato. 

Difficilissime le operazioni di recupero del mezzo. Il peso e la boscaglia hanno reso i lavori ancora più complicati. Ora si attende che venga realizzato un altro intervento: il ripristino del guardrail andato distrutto nell'impatto. Il tratto di strada, infatti, è altamente pericoloso dal momento che per diversi metri la barriera di protezione ha ceduto, completamente divelta dal peso del mezzo che ha tentato una frenata prima di precipitare nel vuoto. 

Un inferno anche stamattina sull'intero tratto di superstrada che parte da Sora e finisce a Formia. La strada chiusa ha spezzato in due le province di Frosinone e di Latina. Troppi i disagi per gli automobilisti che, a passo d'uomo, venivano dirottati nel piccolissimo centro di Ausonia, lungo stradine impervie e non certo abituate al traffico veicolare della Ss 630. Molti quelli che hanno indietreggiato preferendo cambiare percorso. 

Intanto si è svolto l'esame autoptico da parte del medico legale, su conferimento del sostituto procuratore Beatrice Siravo,  sulla salma di Daniele Treglia, l'uomo di 46 anni morto sul colpo durante lo schianto di ieri. Ancora preoccupanti le condizioni del giovane di 37 anni al suo fianco e ricoverato al Santa Maria Goretti.

Così si sono riaccesi i riflettori sulla sicurezza della Cassino-Formia. Diversi gli amministratori che proprio di recente avevano sollecitato interventi alla Regione e all'Astral. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400