Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone









0

Via Fosse Ardeatine e viale Mazzini
Guarda la gallery delle strade colabrodo

Frosinone

Nonostante l’Amministrazione Ottaviani sia in campo da diversi mesi per migliorare le condizioni di alcune strade cittadine, la situazione resta a dir poco drammatica.

Che si parli di centro o periferia, non fa alcuna differenza. Ovunque la situazione è rovinosa, con rarissime eccezioni.
Tantissime le arterie che versano in condizioni pietose. Tra queste, sicuramente via Fosse Ardeatine, strategica per il collegamento della parte alta con quella bassa del capoluogo e proprio per questo ogni giorno transitata da migliaia di automobilisti.
Il manto stradale, soprattutto nel tratto iniziale, è costellato di crepe, buche o vere e proprie voragini che mettono a dura prova la resistenza delle vetture e l’equilibrio di centauri e ciclisti. Non se la passano meglio i marciapiedi, impraticabili in moltissimi punti.
Francesco Raffa, consigliere comunale e residente della zona parla senza mezzi termini di una situazione disastrosa: «Va certamente riconosciuto l’intervento del Comune, che da qualche tempo ha avviato dei lavori di manutenzione straordinaria, ma credo che un corso così frequentato meriterebbe qualche attenzione in più. La pavimentazione è ridotta a un colabrodo. Ci sono solchi enormi e pericolosi, l’asfalto è rovinatissimo. Un degrado che va avanti da anni, tanto che gli utenti non ricordano più quand’è stata l’ultima volta che hanno visto la strada in buono stato e praticabile senza rischi. Si notano ricuciture indecenti, rattoppi vergognosi, che non hanno fatto altro che peggiorare le cose».
Così anche il titolare di un’attività: «Sono forse dieci anni che qui non si vedono operai. Abbiamo provato a far sentire la nostra voce, ma non abbiamo ottenuto alcun risultato».
Il commerciante lamenta anche i disagi causati da un pioppo che da mesi non viene potato: «In primavera, con il polline è praticamente impossibile tenere la porta della mia trattoria aperta. Abbiamo chiamato anche la Polizia locale, che ha effettuato un sopralluogo, ma poi non si è più visto nessuno. I rami dell’albero sono ormai così lunghi che hanno raggiunto le finestre di alcune abitazioni. La gente è esasperata, ma pare che non interessi a nessuno, sicuramente non alla pubblica amministrazione che, visto l’atteggiamento, credo preferisca spendere i soldi per risarcire i cittadini piuttosto che investirli in manutenzione».
Rifiuti di ogni genere abbandonati per strada è l’altro grande problema segnalato: «Nell’area dove prima c’era un supermercato, di proprietà comunale, oggi viene lasciato di tutto, addirittura i sanitari. Anche in questo caso, abbiamo contattato i vigili urbani che hanno potuto constatare l’indecenza. Neanche in questo caso, però, sono seguite azioni per rimuovere il degrado. Non sappiamo davvero più cosa fare e a chi rivolgerci. Abbiamo però capito che è del tutto inutile interessare le istituzioni, visto che ignorano completamente le segnalazioni che arrivano dai cittadini. Viviamo nel centro storico e lo amiamo perché racconta la storia di questa città e vederlo così ridotto ci fa rabbia. Siamo stanchi di lanciare appelli che puntualmente cadono nel vuoto. Vorremmo che chi di competenza ci ascoltasse e non venisse qui solo durante il periodo della campagna elettorale a fare promesse che poi vengono puntualmente disattese... Non è bello sentirsi snobbati».
A fare buona compagnia a via Fosse Ardeatine c’è viale Mazzini, dove una parte della carreggiata, che presenta crepe molto profonde, è diventata pericolosa. Ma questo gli automobilisti lo sanno molto bene.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400