Che aria tira? È l'interrogativo che farà da filo conduttore della Giornata della Terra che sarà celebrata a Frosinone giovedì 20 aprile, alle 16.30, al palazzo della Provincia dove, per il secondo anno consecutivo, le associazioni Laboratorio Scalo e L'Impegno festeggiano l'Earth Day. "Aspettiamo i giovani, gli studenti. Ci rivolgiamo soprattutto a loro perché – spiega Anselmo Pizzutelli, presidente del Laboratorio – ogni seria politica ambientale va affrontata nell'ottica del lungo respiro, nel ciclo delle generazioni. Le soluzioni alle emergenze non arrivano con un colpo di bacchetta magica, ma con una programmazione che dispiega i suoi effetti negli anni, magari anche decenni. Ma mai si comincia mai potremo realisticamente coltivare la speranza di vivere in un ambiente più pulito e salubre. Qui in gioco, è bene ricordarlo, c'è anche la nostra salute". Saranno le polveri sottili, che inquinano l'aria che respiriamo, il principale argomento di confronto. "Sullo smog che soffoca le città, con tristi primati ciociari, circolano informazioni confuse e contraddittorie e – aggiunge Pizzutelli – il tema della salubrità dell'aria viene affrontato con misure che risultano spesso inefficaci. L'evento di giovedì nasce come momento di scambio di conoscenze tra tecnici e amministratori, perché le indicazioni dei primi possano essere raccolte e rielaborate dai sindaci e da ogni altro che abbia il dovere istituzionale di contrastare l'inquinamento atmosferico". La Giornata della Terra è il principale avvenimento educativo e informativo sulle emergenze ambientali del pianeta – inquinamento di aria, acqua e suolo da combustibili fossili, fabbriche, centrali elettriche, distruzione degli ecosistemi compromessi da pesticidi e rifiuti pericolosi – e sulle soluzioni per contenere gli effetti negativi delle attività umane, come il riciclo dei materiali e il divieto di impiego di prodotti chimici dannosi. Giovedì anche Frosinone contribuirà alla affermazione di una generazione verde che deve preparare un futuro nel segno della green-economy con energia da rinnovabili e sempre meno da combustibili fossili e dove i consumi siano sostenibili. Tra i relatori il docente universitario Giorgio Buonanno, il presidente del Palmer, Paolo Vigo, il responsabile delle politiche Ambiente e Territorio della Coldiretti, Stefano Masini, Teresa Petricca, responsabile della Associazione Medici di Famiglia per l'ambiente e l'assessore regionale all'ambiente Mauro Buschini. Gli interventi saranno moderati da Anselmo Pizzutelli e Aldo Mattia, presidenti di Laboratorio Scalo e de L'Impegno.