"Venerdì Santo" la città si prepara all'appuntamento che più la rappresenta sotto tutti i punti di vista, quello storico e religioso. Saranno numerose gli appuntamenti legati all'evento, che venerdì richiamerà migliaia di persone. L'intera organizzazione anche questo anno è stata a cura della Pro Loco di Alatri con il contributo ed il patrocinio del comune di Alatri, assessorato alla cultura, Regione Lazio e consiglio regionale del Lazio. La serie di eventi prenderanno inizio oggi, domenica, quando in Piazza Santa Maria Maggiore alle 18 si esibiranno i "Cori del Miserere". Questa novità introdotta alcuni anni fa dalla Pro loco, diretta da Orestino Fanfarillo, ha avuto un grande successo tanto che sarà ripetuta come in passato. Un primo momento nel quale i due cori di fatto anticiperanno quell'effetto di estrema profondità umana, che poi venerdì lungo il percorso della processione coinvolgerà l'intero pubblico presente. Sarà una settimana intensa quindi nella quale l'intera città e popolazione resterà coinvolta. Il secondo e atteso momento della settimana sarà poi quello di giovedì santo, 13 aprile, con la rappresentazione all'interno della chiesa degli "Scolopi" a partire dalle 18.30, dell' "Ultima Cena". E di certo ci saranno delle repliche per consentire al numeroso pubblico di poter assistere alla rappresentazione. Senza dimenticare che saranno poi numerose le prove dei figuranti per le scene più significative della rievocazione, che si svolgeranno prima di venerdì, quando in quella serata dopo l'avvio alle 20 della processione religiosa (a cura della Confraternita della Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo, di San Matteo), prenderà il via il corteo storico alle 21, che dopo aver percorso l'intero centro storico si concluderà alle 22 all'altezza del parcheggio multipiano dove si svolgerà la crocefissione.