Studenti provenienti da oltre 200 università e accademie di tutto il mondo. Sale l'attesa per il nome dei vincitori del Concorso Internazionale "Veritas et Amor" del Circolo San Tommaso d'Aquino. Il concorso che mette in palio due borse di studio del valore di 2.000 euro interamente finanziate dalla Banca Popolare del Cassinate, è giunto alla settima edizione. La banca da anni è partner dell'evento. I nomi dei vincitori saranno annunciati sabato, alle 16.30, in una solenne cerimonia che si terrà nella chiesa di Santa Maria della Libera di Aquino. Le borse di studio premiano una tesi di laurea o di dottorato che approfondisca il pensiero di Tommaso d'Aquino, anche in ambito non strettamente teologico-filosofico; e un'opera d'arte, di stile classico o moderno, che abbia come oggetto la figura dell'Aquinate.

Il concorso coinvolge oltre 200 Università e Accademie d'Arte di tutto il mondo. I vincitori dello scorso anno provenivano dagli Stati Uniti e dalla Cina, a testimonianza della caratura internazionale che ha il concorso. Così, il premio fu appannaggio di Stephen Ogden, della prestigiosa università di Yale, per la sezione cultura, e di Yan Xu, una studentesse all'Istituto di Belle Arti di Hubei, in Cina, che aveva presentato un ritratto di Tommaso d'Aquino eseguito con tecnica mista su carta da acquerello.

«La qualità dei lavori che ogni anno vengono sottoposti al comitato scientifico - sottolinea Tommaso Di Ruzza, presidente del Circolo San Tommaso d'Aquino - è sorprendente. Il fatto che giovani studiosi e artisti da ogni parte del mondo si dedichino con cura e passione alla figura di Tommaso d'Aquino ci dimostra quanto sia ancora vivo e presente il pensiero del Dottore Angelico».

I giovani vincitori del Concorso saranno annunciati in una solenne cerimonia domani durante la premiazione del Premio internazionale Tommaso d'Aquino, che il Circolo conferisce ogni anno ad una personalità che si sia distinta nel mondo della cultura. Il vincitore di quest'anno è Gilles Emery, professore dell'Università di Friburgo, considerate uno dei più brillanti tomisti in circolazione, noto per un lavoro sulla teologia trinitaria in San Tommaso d'Aquino. Ospite d'onore della cerimonia sarà il Cardinale Gerhard Ludwig Muller, prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede. L'incontro sarà moderato da Mimmo Muolo, vaticanista di Avvenire. La cerimonia sarà impreziosita dai Cantori della Cappella della Basilica papale di Santa Maria Maggiore, diretti dal maestro Valentino Miserachs Grau.