Per il fine settimana Fabrizio Cristofari ha fissato la presentazione del comitato elettorale. Segno che il presidente dell'ordine dei medici intende andare fino in fondo lungo la strada della candidatura a sindaco. Domani dovrebbe avere il via libera definitivo da parte dei Socialisti di Gianfranco Schietroma e Vincenzo Iacovissi. Intanto si sta concentrando sulle liste civiche e sui movimenti. Per quanto riguarda il Pd, l'ora della verità scoccherà quando si dovrà formare la lista e quando bisognerà fare un ultimo tentativo con Alfredo Pallone per cercare un accordo con Area Popolare, orientata però a sostenere Nicola Ottaviani. La netta presa di posizione di Marco Ferrara (che ha rotto un silenzio di 24 anni sulle vicende politiche frusinati, affidando il suo intervento alle colonne di Ciociaria Oggi) tocca però corde molto sensibili. Soprattutto quando l'ex vicesindaco chiede a Cristofari che fine hanno fatto i tanti convitati di pietra che aleggiano sulla sua candidatura a sindaco. Consigliando poi all'ordine dei medici un passo indietro oggi per un salto in avanti domani. Che si riferisca ad una possibile candidatura alle regionali? Ma il messaggio di Ferrara è il seguente: "ritirati perché non è il caso di immolarti politicamente per esponenti politici che ti hanno mandato allo sbaraglio". Naturalmente il dibattito si aprirà, ma resta il fatto che la sensazione che il Pd abbia tempi politici pachidermici è netta. In campo c'è il presidente dell'ordine dei medici, che, come tratteggiato dal sondaggio di Euromedia Research, è in partita contro un sindaco molto forte come Nicola Ottaviani. Nel 1995 un altro medico di livello come Paolo Fanelli, diventato sindaco, in un'intervista a Ciociaria Oggi, disse che i leader della politica provinciale percepivano il sindaco di Frosinone (chiunque fosse) come politicamente ingombrante.