Mancano più di tre mesi alle elezioni comunali di Frosinone, ma indubbiamente il sondaggio di Euromedia Research, commissionato da Ciociaria Oggi, ha avuto l'effetto di costringere tutti ad accelerare. Nicola Ottaviani è in vantaggio secondo le intenzioni di voto, mentre Fabrizio Cristofari ha comunque fatto segnare un buon risultato. L'11% del Movimento Cinque Stelle, senza candidato sindaco, è da tenere in considerazione. Ma ci sono diverse variabili da tenere in considerazione. Dovranno essere presentate le liste e i candidati al consiglio comunale, che al primo turno spesso fanno la differenza. Quindi, la mappa delle alleanze, che inevitabilmente coinvolgerà anche e soprattutto le liste civiche. Un elemento che può spostare gli equilibri, specialmente in quello che viene definito il cosiddetto "elettorato di frontiera". Ma intanto, lontano dai riflettori, le grandi manovre continuano. Per cercare di candidare nelle proprie file chi cinque anni fa stava dall'altra parte. Infine, l'elemento del cosiddetto voto disgiunto, che si concretizza dando la preferenza al candidato sindaco di uno schieramento e il voto ad un designato al consiglio comunale di un'altra coalizione.
E' fin troppo evidente che si tratta di un'eventualità in grado di concretizzarsi soltanto al primo turno, ma rappresenta in ogni caso un segnale importante pure per il ballottaggio. Insomma, la partita è appena iniziata e sarà molto lunga.