Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone




L'infiltrato speciale di Corrado Trento
0

L'ammucchiata continua

Frosinone

Fuochi artificiali i primi giorni, poi è passato tutto in cavalleria. Come sempre. Parliamo dell’accordo tra Forza Italia e Partito Democratico all’Amministrazione Provinciale. Dopo le esternazioni di Adriano Roma sembrava che l’intesa potesse saltare da un secondo all’altro. Invece niente. La strategia adottata è quella di non parlarne. Certo, qualche “scaramuccia” tra il segretario dei Democrat Simone Costanzo e quello degli “azzurri” Pasquale Ciacciarelli c’è stata. Ma così, più per far vedere che altro. Nella stanza però Antonio Pompeo intende affrontare il tema quando dice lui, mentre il consigliere regionale Mario Abbruzzese si è dovuto allineare alla volontà del gruppo, dei consiglieri Danilo Magliocchetti, Gianluca Quadrini e Vittorio Di Carlo. I quali naturalmente non ci pensano proprio a lasciare la maggioranza.
Il 5 giugno si vota in ventiquattro Comuni della provincia di Frosinone, tra i quali Cassino, Sora e Alatri. Pd e Forza Italia sono alternativi e concorrenti. Ma gli elettori cosa diranno? Basta trincerarsi dietro la considerazione che la Provincia è un ente di secondo livello, basta far riferimento al superiore interesse del territorio. Se in provincia di Frosinone la crisi dei partiti è più “critica” che altrove, le cause sono da ricercare in una confusione politica senza precedenti. Non soltanto all’Amministrazione Provinciale, ma anche negli enti intermedi. Una volta queste alleanze venivano definite “ammucchiate”, oggi si usano termini più “soft”. In realtà però alcune domande vanno poste.
Perché il Partito Democratico procede all’unificazione del gruppo consiliare alla Provincia e poi celebra un congresso all’insegna dell’intesa se poi nessun passo viene effettuato? Nella relazione programmatica di Simone Costanzo l’estromissione di Forza Italia dalla maggioranza alla Provincia è un tratto distintivo. Eppure non se ne fa nulla.
Stesso discorso per gli “azzurri”. Come si fa a rilanciare la controffensiva di centrodestra se poi si resta attaccati al carro del Pd? Alla Provincia, ma pure al Consorzio Asi? Meditate gente, meditate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400