Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone




Francesco De Angelis e Francesco Scalia

Francesco De Angelis e Francesco Scalia

0

Scalia-De Angelis, piange il telefono

Frosinone

Una lunga telefonata, l’ennesima, tra Francesco De Angelis e Francesco Scalia. Per verificare se esistono ancora gli spazi per arrivare ad un congresso unitario, con un solo candidato alla segreteria, con un accordo globale. Perché alla fine la contrapposizione politica tra i due Francesco, ha legittimato entrambi nella guida del partito. Adesso però qualcosa sta cambiando ed entrambi ne sono consapevoli. C’è una nuova classe dirigente che è cresciuta, anche grazie a loro, che però non appare più intenzionata ad “obbedire tacendo”. I parlamentari Maria Spilabotte e Nazzareno Pilozzi puntano alla ricandidatura senza timori reverenziali e proveranno ad ottenere il posto da capolista. Simone Costanzo e Domenico Alfieri intendono concorrere per la segreteria, anche sfidandosi e contandosi. Antonio Pompeo, da presidente della Provincia, da mesi lavora alla ricomposizione del gruppo, con l’obiettivo di dimostrare che non c’è bisogno di “numi tutelare” per centrare degli obiettivi. L’assessore regionale Mauro Buschini ha intrapreso una sua strada. Ma ci sono tanti altri amministratori e dirigenti che ormai “non chiedono il permesso”. Per questo motivo il congresso provinciale assume una valenza generazionale oltre che politica. Attenzione però: Scalia e De Angelis non hanno alcuna intenzione di abdicare. Potrebbero rinunciare a trovare una sintesi se dovessero rendersi conto che questo spaccherebbe le rispettive aree. Ma l’obiettivo vero è arrivare ad un’intesa sulle candidature alla Camera: i “papabili” sono molti e saranno tutti agguerriti. Probabilmente nella telefonata i due Francesco avranno analizzato ogni scenario possibile. Consapevoli, però, che una nuova classe dirigente sta già sgomitando all’interno del partito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400