Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Mercoledì 07 Dicembre 2016

Meteo Frosinone




L'infiltrato speciale di Corrado Trento
0

L'opportunità dell'Area di crisi

Frosinone


Il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda ha firmato il decreto che riconosce il Sistema Locale del Lavoro di Frosinone come area in situazione di crisi industriale complessa. Un'opportunità enorme, che però bisognerà guadagnare sul campo.
Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha detto: «Continua il nostro impegno concreto e vero per essere vicini ai cittadini della provincia di Frosinone. Si tratta di un provvedimento importantissimo che completa un percorso iniziato in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico tre anni fa e ora giunto a conclusione. Questo riconoscimento – previsto anche nel Patto firmato a maggio con il premier Renzi – è un’importante opportunità per l’economia e per il mondo del lavoro della Ciociaria, un’area per la quale peraltro assieme al Mise siamo già intervenuti promuovendo l’accordo di programma del 2013. La firma del decreto rende possibile una nuova serie di interventi per il rilancio dello sviluppo di un settore del nostro territorio da tempo in difficoltà ma che ha grandissime potenzialità di crescita». Si tratta indubbiamente di un passo avanti notevole. Ma cosa significa? Vengono stanziati fondi per finanziare ulteriori periodi di cassa integrazione, in deroga alla normativa relativa alla durata massima, fino ad un massimo di 12 mesi. La proroga della cigs di un anno sarà finanziata con 85 milioni di euro per tutti quei lavoratori che la esauriranno entro il 31 dicembre 2016. E’ anche previsto un sussidio da 500 euro al mese per un anno a chi è rimasto senza ammortizzatori,  condizionato però alla disponibilità di intraprendere percorsi formativi o di riqualificazione professionale indicati dalle Regioni. Ci saranno finanziamenti e sgravi importanti per le imprese che investiranno. Ma in ogni caso si tratta di opportunità che dovranno essere definite e concretizzate. Nulla pioverà dal cielo. Si tratta dell’ultimo appello per la classe dirigente del territorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400