Il giornale di oggi

abbonati

sfoglia

Sabato 10 Dicembre 2016

Meteo Frosinone




L'infiltrato speciale di Corrado Trento
0

L'importante è il candidato

Frosinone

La missione impossibile del centrosinistra di Frosinone ha tanti fronti: ricucire lo strappo tra Partito Democratico e Socialisti, riunire attorno allo stesso tavolo Michele Marini e Gianfranco Schietroma, organizzare le primarie con regole condivise. E si potrebbe continuare. Norberto Venturi, segretario cittadino del Pd, ha deciso di rivolgersi ai referenti cittadini di Psi, Lista Marzi e Possibile. Probabilmente cercherà contatti anche con altre forze politiche o liste civiche. Il punto, però, è un altro indipendentemente dall’esito dell’iniziativa. Il punto è che non c’è da quattro anni una coalizione di centrosinistra. In consiglio comunale ognuno è andato per proprio conto e non soltanto per la frattura tra Domenico Marzi e Michele Marini. I partiti e i gruppi consiliari del centrosinistra non hanno mai avanzato proposte unitarie sul bilancio, sui servizi sociali, sull’urbanistica, sui lavori pubblici. Una volta c’era il cosiddetto “governo ombra”. Poi, in tempi più recenti, si è fatto riferimento ad una “alternativa di governo”. A Frosinone questo non è successo e adesso è dura recuperare. In realtà il Partito Democratico sa perfettamente che i Socialisti non torneranno indietro e che, insieme ad altre forze politiche, presenteranno un proprio candidato a sindaco.
La vera sfida del Pd è quella di organizzare le primarie evitando che chi perde poi sbatte la porta e se ne va. Ragionando pure sull’ipotesi di un eventuale accordo al ballottaggio in una prospettiva di centrosinistra. La coalizione del passato, quella che ha permesso i successi di Domenico Marzi (due volte) e di Michele Marini non c’è più.
A dirla tutta neppure il centrodestra è quello di una volta e infatti il sindaco Nicola Ottaviani lo ha ricalibrato continuando a mantenere l’asse portante di Forza Italia ma diventando lui il punto di riferimento della coalizione. Il che porta ad una sola conclusione: l’importante è indovinare il candidato. Il discorso vale per tutti. O no?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400